Mozioni Consiliari presentate
 

MEDA   PER   MEDA

PROPOSTA DI ORDINE DEL GIORNO PER IL PROSSIMO CONSIGLIO COMUNALE

Il Consiglio Comunale

Vista la legge 328/2000 e la deliberazione della Giunta della Regione Lombardia n. VII/7069;

Considerato che le disposizioni sopra menzionate comportano sostanziali modificazioni nell’erogazione dei Servizi socio-sanitari;

Preso atto che è stato approvato il Piano di Zona del distretto di Seregno, quale prima attuazione della normativa già richiamata;

Considerato che su tale materia di rilevante impatto sociale, che impegna notevoli risorse finanziarie, non si è svolto nessun approfondimento e discussione in sede di Consiglio Comunale;

IMPEGNA LA GIUNTA, L’ASSESSORE ALLA PARTITA ED IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO PER QUANTO DI SUA COMPETENZA 

1.      A prevedere tra i punti all’ordine del giorno del prossimo Consiglio Comunale, comunque non oltre il 31 gennaio 2003, una relazione analitica sui contenuti del Piano di Zona distrettuale;

2.      A relazionare sulle eventuali osservazioni presentate allo stesso, in fase di elaborazione ovvero di osservazioni

3.      Ad evidenziare i riflessi che le nuove disposizioni normative hanno avuto od avranno sulla quantità e qualità dei servizi erogati nel nostro Comune, rispetto a quelli erogati fino ad oggi

4.      Ad illustrare eventuali decisioni prese o preventivate, relativamente alle strutture edilizie destinate all’erogazione dei servizi

5.      Ad inserire tra la documentazione depositata per la Convocazione di cui trattasi, copia del Piano di Zona socio-sanitario ed una relazione sintetica sugli argomenti sopra indicati.

Maurizio Lanzani

Meda, 11 dicembre 2002.
 

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

Ill.mo Sig. SINDACO                           

 COMUNE DI MEDA                           

Egr. Sig. PRESIDENTE                       

CONSIGLIO COMUNALE DI  MEDA

                                                                          

Io sottoscritto Consigliere Comunale Maurizio Lanzani, premesso che

  

·        l’unico Consiglio Comunale del mese d’aprile è convocato per sabato 12 esclusivamente per gli alunni delle scuole medesi;

·        il Consiglio Comunale successivo dovrebbe essere convocato nel mese di maggio;

·        in data 11 dicembre 2002 è stata protocollata una mozione da mè presentata in merito al Piano di zona del Distretto di Seregno;

·        la suddetta mozione è stata trattata ed approvata dal Consiglio Comunale nella seduta del 18 dicembre 2002

·        il termine “preferibilmente non oltre il 31 gennaio 2003” per l’inserimento nell’o.d.g. del Consiglio Comunale è stato abbondantemente superato da mesi,

c h i e d o

che quanto contenuto nella mozione approvata dal Consiglio Comunale con delibera n. 62 del 18/12/82002, venga iscritto all’ordine del giorno del primo Consiglio Comunale successivo a quello del 12/04/03.

Meda, 08 aprile 2003.

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE RELATIVA ALLE ESIGENZE DELLA SCUOLA MEDIA TRAVERSI.

Il Consiglio Comunale

considerate le esigenze della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TRAVERSI

IMPEGNA  LA  GIUNTA

  1. a sostituire i serramenti ormai largamente deteriorati dal tempo e dalle intemperie e, in alcuni settori, notevolmente pericolosi.
     
  1. a sistemare il cortile, pericoloso per le condizioni dell’asfalto, sgranato dalle intemperie, sconnesso per la presenza di depressioni, tombini e accumuli di ghiaina nelle zone dove abitualmente si formano pozzanghere di acqua e gelo, con un nuovo manto che preveda una zona adeguatamente ampia e con pavimentazione particolare per la realizzazione di un campo per partite di pallacanestro e pallavolo.
     
  1. in attesa di una nuova palestra, a sistemare l’attuale al fine di ricondurla ad accettabili standard di sicurezza per evitare situazioni di rischio per l’incolumità degli allievi. Infatti, la presenza di spigoli vivi, di muri radenti il perimetro di gioco, di prolungamenti di davanzali di finestre, di caloriferi che sporgono dalle pareti che li dovrebbero contenere, rendono l’obsoleto impianto estremamente pericoloso e non in grado di garantire sicurezza alla dinamicità motoria connaturata alle attività di Educazione motoria.
     
  1. a costruire una nuova mensa in quanto quella attuale utilizza numerose aule che dovrebbero essere utilizzate per l’attività didattica e per i nuovi laboratori previsti dalla riforma Moratti.
     
  1. a disporre una nuova aula magna che possa contenere gli allievi nei momenti educativi comuni o di incontro con genitori o esperti per attività di formazione.
     
  1. a edificare un nuovo impianto sportivo in quanto quello attuale denota limiti sostanziali di sicurezza e di utilizzabilità.
     
  1. ad annettere i locali attualmente utilizzati a Biblioteca Comunale destinandoli ad uffici di segreteria e di presidenza, sala docenti, biblioteca della scuola.
     
  1. a sistemare le veneziane dell’ex liceo, adiacente alla scuola, che sono in una situazione di grave abbandono: numerose non si possono più né aprire né alzare, altre sono prive delle aste per effettuare le operazioni indicate, altre ancora addirittura mancanti. Il loro stato di pessima conservazione, oltre a rappresentare in alcuni casi situazioni di pericolo, in altri pregiudica gravemente persino il regolare svolgimento delle lezioni disciplinari e/o laboratoriali.

            RINA DEL PERO

            MAURIZIO LANZANI

            ADRIANA MARENZI

            CORRADO MARELLI

Meda, 18 maggio 2005

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE RELATIVA ALLA SCUOLA GARIBALDI

Il Consiglio Comunale

considerate le esigenze della SCUOLA DELL’NFANZIA GARIBALDI

IMPEGNA  LA  GIUNTA

  1. a dare la possibilità di utilizzare il piano interrato dell’edificio che ospita la scuola dell’infanzia Garibaldi a mensa scolastica per liberare due locali nei piani sovrastanti dando la possibilità a circa 50 bambini residenti in Meda di frequentare la scuola, non costringendoli ad iscriversi in strutture private o rimanere a casa, eludendo la riforma Moratti che tende a incentivare la frequenza alla scuola dell’infanzia.
     
  1. ad evitare di collocare un archivio cartaceo nel medesimo piano interrato, tramutando un ambiente scolastico a rischio incendio vicino allo zero in altro con carico di rischiosità notevolmente superiore, con gravi pericoli per il personale e i piccoli frequentanti che in condizioni di panico generale evacuerebbero l’edificio con estrema difficoltà.
     
  1. a sistemare il giardino, attualmente in condizioni penose perché, nel corso del tempo, a seguito dei lavori di sistemazione del plesso, è divenuto deposito e discarica dei materiali dei cantieri che si sono avvicendati.

            AREA  LAICA  A  MEDA

            MEDA  DOMANI

            MEDA  PER  MEDA

            SINISTRA  E  AMBIENTE

Meda, 18 maggio 2005

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE RELATIVA ALLA SCUOLA SAN GIORGIO

Il Consiglio Comunale 

considerate le esigenze della SCUOLA PRIMARIA SAN GIORGIO

IMPEGNA  LA  GIUNTA

  1. ad adeguare i locali che, attualmente, nell’interrato dell’immobile, sono utilizzati come mensa che, a seguito dell’ampliamento dell’edificio esistente, sarà trasferita nel nuovo insediamento. Ipotizzando la chiusura dei locali in questione, attualmente aperti, con pareti mobili vetro-metallo che lascino comunque filtrare la luce solare, nei nuovi locali e in quelli da adeguare si consentirà l’insediamento di un laboratorio multimediale, uno di educazione all’immagine, un altro di manipolazione, uno per la psicomotricità, un laboratorio teatrale, un locale per la biblioteca, un laboratorio per gli alunni diversamente abili ed, eventualmente, una sala docenti
     
  1. a sistemare tutti gli spazi esterni, compreso l’attuale giardino privo in numerose zone del manto erboso, e di quello che sarà adiacente la nuova costruzione.
     
  1. a proteggere l’anfiteatro
     
  1. a sistemare gli armadietti al piano rialzato
     
  1. a costruire due scale esterne in ferro per rendere più veloci e sicure le evacuazioni degli alunni delle sei aule dell’ultimo piano del plesso.

 

            AREA  LAICA  A  MEDA

            MEDA  DOMANI

            MEDA  PER  MEDA

            SINISTRA  E  AMBIENTE

Meda, 18 maggio 2005

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE RELATIVA ALLE ESIGENZE DELLA SCUOLA MEDIA TRAVERSI.

Il Consiglio Comunale

considerate le esigenze della SCUOLA SECONDARIA DI PRIMO GRADO TRAVERSI

IMPEGNA  LA  GIUNTA

  1. a sostituire i serramenti ormai largamente deteriorati dal tempo e dalle intemperie e, in alcuni settori, notevolmente pericolosi.
     
  1. a sistemare il cortile pericoloso per le condizioni dell’asfalto, sgranato dalle intemperie, sconnesso per la presenza di depressioni, tombini e accumuli di ghiaina nelle zone dove abitualmente si formano pozzanghere di acqua e gelo con un nuovo manto che preveda una zona adeguatamente ampia e con pavimentazione particolare per la realizzazione di un campo per partite di pallacanestro e pallavolo.
     
  1. in attesa di una nuova palestra, a sistemare l’attuale al fine di ricondurla ad accettabili standard di sicurezza per evitare situazioni di rischio per l’incolumità degli allievi. Infatti, la presenza di spigoli vivi, di muri radenti il perimetro di gioco, di prolungamenti di davanzali di finestre, di caloriferi che sporgono dalle pareti che li dovrebbero contenere, rendono l’obsoleto impianto estremamente pericoloso e non in grado di garantire sicurezza alla dinamicità motoria connaturata alle attività di Educazione motoria.
     
  1. a costruire una nuova mensa in quanto quella attuale utilizza numerose aule che dovrebbero essere utilizzate per l’attività didattica e per i nuovi laboratori previsti dalla riforma Moratti.
     
  1. a disporre una nuova aula magna che possa contenere gli allievi nei momenti educativi comuni o di incontro con genitori o esperti per attività di formazione.
     
  1. a edificare un nuovo impianto sportivo in quanto quello attuale denota limiti sostanziali di sicurezza e di utilizzabilità.
     
  1. ad annettere i locali attualmente utilizzati a Biblioteca Comunale destinandoli ad uffici di segreteria e di presidenza, sala docenti, biblioteca della scuola.
     
  1. a sistemare le veneziane dell’ex liceo, adiacente alla scuola, che sono in una situazione di grave abbandono: numerose non si possono più né aprire né alzare, altre sono prive delle aste per effettuare le operazioni indicate, altre ancora addirittura mancanti. Il loro stato di pessima conservazione, oltre a rappresentare in alcuni casi situazioni di pericolo, in altri pregiudica gravemente persino il regolare svolgimento delle lezioni disciplinari e/o laboratoriali.

 

            AREA  LAICA  A  MEDA 

            MEDA  DOMANI

            MEDA  PER  MEDA

            SINISTRA  E  AMBIENTE

Meda, 18 maggio 2005

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE RELATIVA A PUBBLICHE AFFISSIONI GRATUITE

 

Il Consiglio Comunale

·         vista la legge 30 dicembre 2004, n. 311 pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 306 del 31 Dicembre 2004 ed in particolare i commi 480, 481, 482 e 483 dell’art. 1 (unico) con i quali è stato modificato il D.Lgs. 15-11-1993 n. 507 che disciplina, tra l’altro, le pubbliche affissioni e l’imposta sulla pubblicità;

·         considerato che la suddetta legge può trovare applicazione a favore di organismi vari esentando dal pagamento dell’imposta di pubblicità (affissioni) i manifesti: di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbia scopo di lucro; relativi ad attività politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose; per gli annunci mortuari;

·         preso atto che le nuove norme sulle pubbliche affissioni, introdotte dalla Finanziaria 2005, sono entrate in vigore dal 1 gennaio 2005;

·         constatato che alla data odierna l’Amministrazione Comunale di Meda non ha ancora dato attuazione alla suddetta Legge,  

IMPEGNA  LA  GIUNTA

a dare piena applicazione alla Finanziaria 2005, in merito alle pubbliche affissioni, individuando spazi gratuiti, disciplinandone l’utilizzo, modificando i regolamenti Comunali e adottando qualsiasi altro provvedimento atto a recepire le modifiche introdotte dalla Legge 30 dicembre 2004, n. 311.

DEL PERO  RINA                                       MAURIZIO  LANZANI        

Meda, 17 maggio 2005.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE RELATIVA ALLA IMPUTAZIONE COSTI DELLA  III^ EDIZIONE PREMIO SAN VITTORE.

·        Vista la determinazione n. 173 del 30/09/05, assunta dall’Area Attività Amministrative Servizi alla Persona e per il Tempo Libero, relativa alla III^ edizione del Premio San Vittore, con la quale si imputa la spesa presunta di €. 21.018,40 al Cap. 6374 – art. 496/05 “Contributi ai gruppi sportivi”

·        considerato che trattasi di manifestazione artistico-sportiva organizzata dall’Assessorato allo Sport del Comune di Meda

i sottoscritti Consiglieri Comunali

c h i e d o n o

che la suddetta spesa non sia considerata contributo ai gruppi sportivi ma trovi più idonea imputazione al cap.

Rina Del Pero

Maurizio Lanzani

            Corrado Marelli

Meda, 17 novembre 2005.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE CONSILIARE

per dare attuazione alle previsioni del Piano Regolatore Generale per l’area verde di via Magenta (prospiciente il deposito della ditta Reinke) con destinazione “AP: attrezzature pubbliche e private di uso pubblico”

Premesso

·      che in un intervento su Medinforma di giugno 2004 il Sindaco affermava: “… con un po’ di ottimismo e lungimiranza molti problemi potrebbero essere risolti … Si potrebbe ad esempio … creare un centro vivibile … una vera città residenziale. Eliminando la promiscuità tra residenziale e produttivo, … riqualificando certi spazi verdi che ancora esistono … e molti altri piccoli spazi già di proprietà comunale …”;

·      che, riprendendo questa affermazione, il 18 aprile 2005 i cittadini residenti in via Magenta inviavano una lettera al Sindaco e a tutti Consiglieri Comunali nella quale chiedevano al Sindaco "di dare un seguito concreto alle Sue stesse parole, nonché attuazione alle previsioni di Piano Regolatore, che impedissero lo sfruttamento della stessa (area) quale deposito industriale, come avviene ormai da sette anni (un tempo biblico!)";

·      che l'area in questione è effettivamente utilizzata come deposito merci e automezzi da una ditta privata di trasporti;

·      che questo utilizzo arreca ai cittadini medesi residenti in via Magenta disagio e disturbo. Infatti a tutte le ore del giorno e, purtroppo, anche della notte, si verificano:

-   accensione dei motori degli automezzi, che rimangono accesi per molto tempo;

-  rumorose manovre di parcheggio con aggancio e sganciamento dei containers dai rispettivi rimorchi e manutenzione dei mezzi, il tutto a pochi metri di distanza dalle abitazioni, che subiscono le conseguenze dell’inquinamento acustico ed atmosferico dei gas di scarico;

·      che questo problema era già stato denunciato all'Amministrazione Comunale in un esposto del 1998 e anche la stampa locale si era occupata della situazione (alleghiamo la copia di un articolo pubblicato su Medinforma del dicembre 1998).

·      che a seguito della lettera 18 aprile 2005, i Consiglieri Comunali della Lista Meda per Meda in data 18 agosto 2005 hanno presentato una interrogazione consiliare per sapere se l’area fosse effettivamente uno standard, come prevedeva una convenzione tra Amministrazione e proprietà del 1975 all’atto del rilascio a quest’ultima della concessione edilizia;

·      che, rispondendo a tale interrogazione con una relazione predisposta dal dirigente della ripartizione architetto Caglio, nella seduta di Consiglio del 01.09.2005 l’assessore Giuseppe Ferrario affermava che “non esiste una convenzione per l’utilizzo dell’area a favore del Comune in quanto l'area risulta di proprietà privata”;

·      che ulteriori ricerche effettuate dai sottoscritti hanno potuto invece accertare senza ombra di dubbio - come risulta dall'allegata documentazione - che l'area in oggetto è di proprietà comunale per i seguenti motivi:

a)  il rilascio della licenza di costruire "laboratorio e abitazione sul mapp. N. 78 del fg 34 di via Magenta ang. Peschiera" rilasciata il 22 novembre 1974 (prot. N. 8335) è stato espressamente subordinato alla "cessione e sistemazione" di detta area;

b) con delibera N. 382 del 16.06.86 la Giunta Municipale (Tagliabue, Giannetta, Pagani, Consonni, De Martin, Galli, D'Amico) ha autorizzato il Sindaco a stipulare un atto di acquisizione dell'area di cui trattasi;

c) della proprietà dell'area il Comune di Meda è perfettamente consapevole, avendo preteso in data 12 dicembre 1995 il pagamento di Lire 84.000 (ottantaquattromila) da un privato cittadino quale tassa per l'occupazione di aree pubbliche, come dimostra l'allegata documentazione;

·      che tale area è effettivamente classificata nel P.R.G. vigente in zona "AP: attrezzature pubbliche e private di uso pubblico";

tutto ciò premesso,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta a:

1)      vietare che l'area venga utilizzata quale deposito di merci e automezzi;

2)      dare attuazione alle previsioni del Piano Regolatore Generale con la realizzazione di un’area a VERDE PUBBLICO ATTREZZATO lungo la via Magenta, portando così ad effettiva esecuzione quanto previsto da ben 22 anni e per tutto questo tempo atteso dai cittadini medesi ivi residenti.

I Consiglieri Comunali            CORRADO MARELLI

                                                RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

Meda, 13 giugno 2006.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE CONSILIARE

per acquisire l’area verde di via Magenta (prospiciente il deposito della ditta Reinke) con destinazione “AP: attrezzature pubbliche e private di uso pubblico”.

Premesso

·         che una precedente mozione presentata il 14 giugno 2006 tendente ad impegnare la Giunta a vietare l'utilizzo dell'area quale deposito di merci e automezzi nonché a dare attuazione alle previsioni del Piano Regolatore Generale con la realizzazione di un’area a VERDE PUBBLICO ATTREZZATO lungo la via Magenta, è stata respinta dal Consiglio Comunale del 18.09.2006;

·         che tuttavia sono incontestabili i seguenti fatti:

a)    la licenza di costruire "laboratorio e abitazione sul mapp. N. 78 del fg 34 di via Magenta ang. Peschiera" rilasciata il 22 novembre 1974 (prot. N. 8335) è stata espressamente subordinata alla "cessione e sistemazione" di detta area;

b)    con delibera N. 382 del 16.06.86 la Giunta Municipale (Tagliabue, Giannetta, Pagani, Consonni, De Martin, Galli, D'Amico) ha autorizzato il Sindaco a stipulare un atto di acquisizione dell'area di cui trattasi e giuridicamente tale delibera ha valore di acquisizione dell'area in questione, essendo il perfezionamento e la registrazione dell'atto di cessione un  adempimento ai soli fini catastali;

c)    il mancato perfezionamento dell'atto di cessione configura una omissione di atti d'ufficio da parte dei responsabili preposti;

d)    della proprietà dell'area il Comune di Meda è pur tuttavia perfettamente consapevole, avendo preteso in data 12 dicembre 1995 il pagamento di Lire 84.000 (ottantaquattromila) da un privato cittadino quale tassa per l'occupazione di aree pubbliche, come dimostra l'allegata documentazione;

e)    nulla invece il Comune di Meda ha preteso per l'utilizzo della stessa area da parte di una azienda privata che ne ha fatto un deposito di propri automezzi, con conseguente mancato introito di somme dovute all'Ente che costituisce un possibile danno erariale;

f)     tale area è effettivamente classificata nel P.R.G. vigente in zona "AP: attrezzature pubbliche e private di uso pubblico";

g)    nella Conferenza dei Capigruppo del 13 settembre 2006 il Direttore e Segretario Generale del Comune dott. Mario Giammarrusti ha anticipato la notizia che nella settimana seguente sarebbe stato perfezionato l'atto di cessione;

h)   i cittadini di via Magenta e limitrofe attendono dal 22 novembre 1974 (32 anni!) che si realizzi quanto il Comune ha comunque deliberato da oltre 20 anni (il 16 giugno 1986)

tutto ciò premesso,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta a:

1)      predisporre gli atti necessari per formalizzare l'acquisizione dell'area;

2)      attrezzare la stessa conformemente alla destinazione di P.R.G;

3)      prevedere una sistemazione della stessa almeno parzialmente a verde pubblico;

4)      non consentirne l'uso quale deposito di aziende private.

Si richiede una votazione separata per ogni singolo punto della proposta.

I Consiglieri Comunali            RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

CORRADO MARELLI 

Meda, 20 ottobre 2006.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE CONSILIARE 

per contributi comunali per manutenzione facciate edifici e installazione pannelli solari.                        

CONSIDERATO CHE

  • ogni anno alcuni edifici sono soggetti a opere straordinarie di manutenzione con oneri gravosi a carico dei proprietari o dei condomini. Tali opere straordinarie oltre che conservare meglio gli edifici rendono più gradevole e accogliente la città che si ritrova un patrimonio edilizio non degradato con beneficio indiretto, quindi, per tutta la comunità.

CONSIDERATO INOLTRE CHE

  • cresce sempre di più la sensibilità in favore di utilizzo di fonti energetiche solari e il Consiglio più volte si è pronunciato a favore di un utilizzo di fonti rinnovabili di energia, in coerenza con le politiche di riduzione dei gas ad effetto serra;
     
  • il Comune intende agevolare quei cittadini che istalleranno pannelli solari, sui loro edifici, al fine di incrementare tale uso di fonti energetiche rinnovabili,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta a:

1.      riconoscere un contributo di €. 150,00, per l’unità immobiliari adibita ad abitazione principale, al soggetto passivo che esegue opere di manutenzione per rifacimento totale facciate;

 

2.      riconoscere un contributo di €. 500,00 ai proprietari di unità immobiliare adibita ad abitazione principale, che istalleranno panelli solari fotovoltaici per la produzione di energia elettrica con produzione minima media di 300 watt;

 

3.      prevedere apposito capitolo di bilancio in proposito.

 

Per usufruire del beneficio gli interessati dovranno presentare, a pena di decadenza, istanza entro il 31 gennaio 2008. La pratica deve essere perfezionata con la presentazione della documentazione relativa.

 

I Consiglieri Comunali            CORRADO MARELLI

                                                RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

Meda, 2 novembre 2006

topRitorna in alto


MEDA   PER   MEDA

MOZIONE CONSILIARE

Considerato che

a seguito di una nostra precedente segnalazione e richiesta di chiarimenti (18/09/2006) in merito alla regolare agibilità di alcuni immobili di recente costruzione, da sopralluogo effettuato in data 12/10/2006 è stata riscontrata l’assenza di regolare certificato di agibilità, come da copia della relazione di sopralluogo effettuata dai tecnici dell’Area Territorio, relazione trasmessaci dal Servizio Logistica in data 23/10/2006,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta a: 

1.     disporre una verifica sistematica delle regolarità delle agibilità dei sottotetti;

2.     attivarsi, da subito, affinchè le pratiche edilizie relative alla costruzione di sottotetti siano sottoposte a controllo e seguite nell’iter finale dell’agibilità;

3.     accertare la trascrizione, in breve tempi, nei registri immobiliari, del parcheggio pertinenziale obbligatorio per Legge (Legge Regionale n. 20 del 27.12.2005) conseguente a realizzazione di nuove unità immobiliari.

Si richiede una votazione separata per ogni singolo punto della proposta.

I Consiglieri Comunali        RINA DEL PERO

                                      MAURIZIO LANZANI

Meda, 19 novembre 2006.

topRitorna in alto



MOZIONE CONSILIARE

Considerato che

·            buoni servizi non significano solo minori costi per imprese e cittadini e, quindi, migliore qualità della vita, ma aiutano a rafforzare le potenzialità  e la capacità di sviluppo dei territori;

·            la riduzione dei consumi idrici è perseguibile anche mediante adeguata attività di informazione e coinvolgimento della cittadinanza;

·            l’appartenenza all’AGENDA 21 deve tradursi in atti concreti che producano benefici diretti per il comune e per la collettività locale;

·            esperienze maturate e provate in altre realtà anche a noi limitrofe (ad es. Ceriano Laghetto), quindi riproducibili in quanto ubicate nel medesimo contesto territoriale, dimostrano che la semplicità dei progetti ed i ridotti costi di attuazione potrebbero consentire anche nella nostra città elevati livelli di risparmio idrico ed  energetico;

·            l’applicazione di  appositi dispositivi, tecnicamente testati e come detto già applicati, oltre a garantire la riduzione della dispersione di acqua permette altresì di risparmiare fino al 50% dell’energia necessaria a riscaldarla;

·            l'Amministrazione Comunale ha già accolto una precedente mozione sul risparmio idrico e iniziato un percorso informativo sulla questione attraverso il periodico “Città di Meda notizie”,

tutto ciò premesso,  al fine di promuovere politiche di risparmio delle risorse idriche

il Consiglio Comunale impegna la Giunta a:

1.             installare erogatori ad alta efficienza su rubinetti, docce ed erogatori nei diversi edifici pubblici così da contenere gli sprechi;

2.             tenere campagne informative presso le scuole materne,  primarie  e secondarie per favorire l’informazione, il coinvolgimento e la responsabilizzazione della cittadinanza;

3.             impegnare le risorse economiche necessarie nell’apposito capitolo di bilancio.

Si richiede una votazione separata per ogni singolo punto della proposta.

I Consiglieri Comunali            ADRIANA MARENZI

                                                RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

CORRADO MARELLI

Meda, 20 novembre 2006.

topRitorna in alto



MOZIONE CONSILIARE

Considerato che

·             con delibera di  giunta regionale 3398 del 26.10.2006, sul contenimento degli episodi acuti di inquinamento è stato confermato il “Divieto di utilizzo di biomassa legnosa in apparecchi per il riscaldamento domestico” all’interno dell’area critica Unica Milano-Como-Sempione, alla quale apparteniamo, che vale anche all’esterno per i comuni che siano a quota inferiore a 300 metri;

·             stufe e camini, soprattutto quelli non costruiti seguendo le normative in vigore dal 1990, producono elevate emissioni di carbonio,

al fine di tutelare la salute dei cittadini,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta

a dare attuazione alla disposizione di cui sopra allo scopo di contenere gli effetti di inquinamento atmosferico prodotto dalle polveri di combustione che attraverso i fumi vengono disperse nell’ambiente.

I Consiglieri Comunali            ADRIANA MARENZI

                                                RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

CORRADO MARELLI

Meda, 20 novembre 2006.



MOZIONE CONSILIARE

Considerato che

·        in data 15 marzo 2006 è stata firmata una “Convenzione per l’attuazione del piano di lottizzazione di iniziativa privata di area sita in Meda – via Po” nella quale i lottizzanti si impegnano (art. 11) a presentare i progetti esecutivi entro tre mesi dalla stipula di detta convenzione;

·        è trascorso ben più del tempo concesso, nella convenzione della lottizzazione di Via Po, per la realizzazione del parco di via Volturno,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta

a disporre l’inizio dei lavori e ad incamerare la fidejussione prestata dai lottizzanti a garanzia degli stessi.

I Consiglieri Comunali            ADRIANA MARENZI

                                                RINA DEL PERO

                                                MAURIZIO LANZANI

CORRADO MARELLI 

Meda, 20 novembre 2006.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE CONSILIARE

Premesso che

  • anche a Meda è stata istituita, condivisa dall’Amministrazione Comunale, la “PRO LOCO PRO MEDA”;
  • la stessa sta svolgendo la propria lodevole attività in uno spazio inadeguato sia per dimensioni che per ubicazione (presso il Palameda di Via Tre Venezie);
  • recentemente la sede dell’Associazione è stata coinvolta nell’atto vandalico da parte di ignoti penetrati all’intero del Palameda;
  • il suddetto atto ha messo a repentaglio la documentazione e il materiale (anche storici) ivi conservati;
  • l’Amministrazione Comunale sta predisponendo l’imminente apertura del ristrutturato edificio di proprietà pubblica, sito in Vicolo Comunale, denominato ex Cinema Radio;
  • la caratteristica di quest’ultimo stabile prevede il suo utilizzo anche per attività culturali contemplate nello Statuto della Pro Loco “Pro Meda”,

il Consiglio Comunale impegna la Giunta

affinché la nuova sede della PRO LOCO PRO MEDA trovi opportuna sistemazione al centro della città e specificatamente all’interno del neo URBAN CENTER di Vicolo Comunale, predisponendo l’atto di convenzione e il relativo eventuale impegno di spesa a bilancio.
 

I Consiglieri Comunali            RINA DEL PERO 

                                                MAURIZIO LANZANI

                                                CORRADO MARELLI

Meda, 04 gennaio 2007.

topRitorna in alto



L I S T E   C I V I C H E  
MEDA   PER   MEDA  e   MEDA   DOMANI

MOZIONE CONSILIARE

Premesso che

  • sino a qualche mese fa nel sito WWW.COMUNE.MEDA.MI.IT era possibile consultare via internet determinazioni e delibere di Giunta,
     
  • recentemente questo servizio è stato drasticamente ridotto tanto che ora si leggono solo gli oggetti delle delibere mentre le determinazioni non vengono nemmeno pubblicate,
     
  • tali documentazioni non sono più neppure inserite nell’apposito albo del Comune a disposizione di tutta la cittadinanza,
     
  • che anche l’assessore alla comunicazione ha dichiarato alla stampa (Il Cittadino 27 gennaio 2007 pag.64) di “essere dispiaciuta che le soluzione adottate in concreto dal Comune non siano in questo spirito“ (cioè quello che l’Ente abbia il dovere di dare la massima trasparenza alla propria azione e di conseguenza di pubblicizzare nel modo più ampio gli atti),

il Consiglio Comunale impegna la Giunta

affinché provveda immediatamente al ripristino completo del sito comunale in merito alla pubblicizzazione degli atti nonché alla loro esposizione integrale all’albo del Comune.

 

I Consiglieri Comunali            RINA DEL PERO 

                                                MAURIZIO LANZANI

                                                CORRADO MARELLI

Meda, 11 febbraio 2007.

Ritorna in altoÇ
 

Sito ottimizzato per una visione 1024 x 768
 

 

Creative Commons License

Testo e immagini di questo  sito sono © 2007 del Gruppo CentrosinistraMeda
Tutti i diritti riservati - all rights reserved
to
Studio MedaItalia